Approfondimenti

Articolo pervenutoci da Savinelli

 

Negli ultimi 10/ 15 anni sono comparsi sullo scenario internazionale tanti Pipemaker.

Danesi, americani, italiani, giapponesi, cinesi che creano pipe dalle forme strane, bellissime, vere opere di scultura.

Sicuramente sono dei bellissimi oggetti nei quali ognuno dei pipemaker riversa il proprio gusto, la propria tradizione ed esperienza. Ciocchi di radica che vengono plasmati secondo diverse esigenze.

Savinelli produce sia pipe predefinite che freehand e sa che non c’è tanta differenza tra le due lavorazioni, i passaggi sono gli stessi.

Infatti nonostante la maggior parte pensi che Savinelli faccia una produzione industriale di pipe e quindi tutto venga fatto automaticamente, non è così e ogni pipa della nostra produzione viene presa in mano una alla volta per tutti i suoi passaggi che talvolta arrivano fino a 90.

L’interazione artigiano e macchina è quindi fondamentale anche nelle predefinite.

Le pipe freehand sono plasmate anche loro con l’aiuto di macchine e seguono le esigenze non solo estetiche, ma anche materiali, quindi se si trova un difetto nel legno si può modificare la forma, mentre la pipa predefinita non può essere modificata proprio per i parametri fissi a cui si attiene.

Sempre più difficilmente, si trova una Giubileo (per chi non lo sapesse ancora è una nostra pipa “perfetta” completamente sana e fiammata) su 1000 pezzi lavorati.

Perché il paradosso è: più un pezzo di radica è fiammato e più è impuro perché il legno morbido è più soggetto ad ospitare le impurità naturali del terreno.

Nelle predefinite inoltre ogni pipa nasce con il proprio bocchino, che viene messo a pari con la canna e per questo motivo non intercambiabile con altri. Ogni testa di radica svasata secondo il modello prescelto, viene esaminata dall’occhio umano che elabora una prima scelta di qualità e che non è quella definitiva, ma che potrà mutare nel corso delle lavorazioni.

Più pipe si svasano più è ampia la scelta della qualità, quindi chi produce tante pipe può garantire una qualità di radica migliore: è la legge dei numeri.

È importante sapere che ci sono diversi tipi di radica: abbozzi e plateaux.

Gli abbozzi vengono usati per le pipe predefinite e ce ne sono di diverse qualità e i plateaux vengono usati per le pipe freehand, di dimensioni più generose e considerati migliori per venatura.

Anche questi pezzi però non sono esenti da imperfezioni, impurità che spesso modificando la forma vengono eliminati.

Molti pipemaker giustamente lasciano però i carboncini, quei piccoli puntini sulla radica che non inficiano la fumata, ma che sono parte di una radice che si sviluppa sotto terra.

D’altra parte essendo un materiale naturale non si può pretendere sia perfetto. La perfezione in natura è molto rara.

La cosa veramente importante è che la pipa sia equilibrata esteticamente, ben forata tecnicamente, che il bocchino chiuda bene sull’imboccatura, che la radica sia stagionata naturalmente per eliminare l’umidità che la rende pesante e la stabilizzi perché mantenga la forma col tempo e perché possa sostenere il calore della brace nel fornello.

Queste sono le cose importanti e fondamentali per poter dire che una pipa fuma bene: i parametri tecnici che fanno la differenza.

Questo è quello che fa Savinelli da tanti anni e lo sa fare bene.

Tutto il resto è gusto personale.

 

 

Savinelli logo

Keep in touch
Contatti

Mail:
sales@pipeaporter.com

Indirizzo:
Savinelli S.r.l.

Partita IVA:
06185460158

Supporto Live:
Dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 17:00 (CEST TIME)

Seguici
  • Instagram
  • Pinterest
Questo sito utilizza cookie per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all'uso dei cookie. Cookie Policy