Manutenzione pipa

Pulizia ordinaria

Affinché ogni fumata sia un piacere dall'inizio alla fine, è indispensabile provvedere regolarmente alla pulizia ordinaria della pipa. Questa operazione è della massima efficacia se compiuta quando i residui della fumata sono ancora umidi.

1. Terminata la fumata, date due o tre soffiate energiche dal bocchino per far volare via dal fornello i residui più superficiali del tabacco. Fate attenzione a dove rivolgete il fornello, perché salteranno fuori pezzi di cenere e di tabacco che vi sporcheranno i pantaloni bianchi. Nel caso il cannello risultasse ostruito e non fosse sufficiente soffiare, rimandate la soluzione del problema a quando la pipa sarà raffreddata e potrete smontarla senza timore di rovinarla.
N.b. E' importante non smontare mai a caldo una pipa con l'innesto tradizionale del bocchino nel cannello, poiché i diversi coefficienti di dilatazione dei materiali possono facilmente causare sgradevoli rotture, talvolta irrimediabili.

2. Se la vostra pipa non ospita un filtro, come il nostro Balsa System, potete come prima cosa far passare uno scovolino dal bocchino fino al fornello e farlo scorrere alcune volte per liberare il condotto dai residui. Se avete un filtro, saltate questo passaggio e rimandatelo a quando la pipa sarà fredda.

3. Piegate quindi in due lo scovolino e, stringendo fra due dita le estremità, sfregate l'interno del fornello finché il grigio della cenere non sarà sparito per lasciare in vista solo lo strato scuro dei residui delle fumate precedenti, la famosa camicia di carbone che, se mantenuta al giusto spessore di circa 1mm/1,5mm, non solo non procura danni, ma protegge la radica della vostra pipa dalle bruciature. Normalmente è più che sufficiente servirsi di normali scovolini morbidi, di tanto in tanto si può usare uno scovolino reso ruvido da rinforzi di nylon che ne aumentano la forza abrasiva.

4. Appoggiate ora la vostra pipa con il bocchino in alto e la testa in basso, in modo che l'umidità rimasta scenda verso il fornello e possa quindi evaporare in modo naturale, e lasciatela riposare quanto meno finché si sarà raffreddata, in ogni caso non meno di un'ora.
Vi consigliamo di sostituire il filtro in balsa ogni due o tre fumate, la saturazione del filtro può variare a seconda del tipo di tabacco usato e della condotta di fumata. Quando smontate il bocchino dal cannello, approfittatene per pulire il condotto con uno scovolino.

Scovolino BiancoScovolino DuplexScovolini NylonScovolini Conici

 

Pulizia periodica

Col passare delle fumate e del tempo la vostra pipa perderà la lucentezza che vi aveva affascinato nel momento in cui l'avevate scelta fra mille altre. A questo si aggiunga che la combustione del tabacco avrà lasciato i suoi segni come lo scurimento del bordo della testa, l'ispessimento della camicia di carbone all'interno del fornello, il deposito di nicotina e catrame nel condotto cannello/bocchino. Se poi la vostra pipa ha il bocchino in ebanite, questo tenderà a ingiallire per effetto dello zolfo, una componente del materiale, che tende a emergere per effetto dell'uso e dell'esposizione alla luce.

Quando (e come) smontare la pipa? 

Come già sottolineato, mai subito dopo una fumata e, in ogni caso, è un'operazione da evitare ogni qualvolta si ha il sospetto che una qualsiasi fonte di calore abbia alterato le proporzioni delle diverse parti della pipa.
Solitamente si consiglia imprimere delicatamente al bocchino una rotazione in senso orario, sia per smontarlo sia per rimontarlo. Questo perché così facendo si asseconda il senso di rotazione del tornio che ha lavorato il cannello e si evita a quest'ultimo un trauma che, in presenza di altri motivi di debolezza, potrebbe aggravarsi fino alla rottura.
Qualora il bocchino fosse bloccato nel cannello, o semplicemente molto difficile da muovere, non forzate. Solitamente funziona bene un trucco che si rifà al medesimo principio in base al quale si sconsiglia lo smontaggio a caldo: il congelatore! Proteggete la vostra pipa dall'umidità e dagli odori del cibo chiudendola in un sacchetto gelo e poi lasciatela nel freezer per una decina di minuti. Una volta estrattala, magicamente la smonterete senza difficoltà.

Rimuovere i residui con il Nikosolvol e il Pip spray

Abbiamo già parlato dei ricordi che ogni fumata lascia di sé nella nostra amata pipa. Affinché non se ne impregni e non ne rilasci il sapore nel corso delle fumate successive, è utile servirsi del Nikosolvol per sciogliere i depositi di catrame e nicotina nel cannello e nel bocchino ed eventualmente, con molta cautela e delicatezza, sul bordo del fornello con un panno morbido. Per un uso normale è sufficiente imbibire del liquido uno scovolino e passarlo nel cannello e nel bocchino; qualora i condotti risultassero particolarmente sporchi, è possibile lasciare lo scovolino imbevuto al loro interno per qualche minuto e passare poi con un nuovo scovolino, questa volta asciutto e pulito.
Con il Pip Spray l'operazione è molto simile, ma più rapida: spruzzate all'interno del cannello e del bocchino, quindi dopo qualche secondo passate uno scovolino. Ripetete il passaggio finché non saranno asportati tutti i residui.
Terminata l'operazione, lasciate a riposare la vostra pipa per qualche ora.
N.b. Si raccomanda di non usare questi prodotti su bocchini in metacrilato.

NikosolvolPip Spray

Pipe polish: Se l'uso, fumata dopo fumata, ha reso opaca la radica della vostra pipa, è presto fatto: un panno morbido e un poco di pasta lucidante, strofinate e poi ripassate con il panno pulito.

Stem polishQuando il bocchino in ebanite della vostra pipa riporta molti segni, perché magari non l'avete trattato proprio con tutti i riguardi, potete restituirgli la vitalità con un panno morbido, la pasta abrasiva e un po' di olio di gomito. Di tanto in tanto ripassate con un panno pulito per verificare il risultato ottenuto, se non siete soddisfatti ricominciate l'operazione.

                                                                    Con Dit Kit

                                                      Con-Dit - Kit: tre in uno. Una Kit utile e semplice che contiene: Pipe Polish, Nikosolvol e Stem Polish


Panno MagicoHa lo stesso scopo della cera lucidante, ma è imbevuto di cera siliconica e cera carnauba, e funziona per oltre 1000 pulizie. Il Panno Magico ha un lato beige, impregnato, e un lato blu. Con il primo si strofina per bene la testa della pipa, quindi la si lucida di fino con l'altro lato del panno. La sua efficacia vi sorprenderà.

 Panno Magico

 

I grattapipe 
Più familiarmente, sono delle frese. Quando lo strato di carbone residuo di molte fumate si è inspessito troppo, è utile una fresa a mano per rimuoverne l'eccesso in modo delicato e graduale. Ne esistono di diversi tipi ideati appositamente per la manutenzione delle pipe, più o meno complessi. L'importante è non servirsi di macchinari come trapani o torni, perché per chi non è del mestiere sono difficilmente controllabili e il rischi di danneggiare la pipa è tutt'altro che remoto.

Keep in touch
Contatti

Mail:
sales@pipeaporter.com

Indirizzo:
S. C. Store S.r.l.

Partita IVA:
08451820966

Supporto Live:
Dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 17:00 (CEST TIME)

Seguici
  • Instagram
  • Pinterest
Questo sito utilizza cookie per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all'uso dei cookie. Cookie Policy